.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

Fondazioni


Denominazione del corso: Fondazioni
Corso di studi: I4C - Laurea magistrale in Ingegneria Civile
Quadrimestre/Semestre:
Anno:
Numero di moduli: 1
Crediti: 9
Ore: 90
Tipologia: B - Attività caratterizzanti
Struttura: monodisciplinare
Settore Scientifico Disciplinare: ICAR/07 (Geotecnica)

Docente: Paola Monaco (90 ore). Titolo copertura: Aggregato (Ricercatore)
Orario di ricevimento: Durante lo svolgimento del corso nel primo semestre (25 settembre - 22 dicembre 2017): ogni mercoledì, ore 15-17, presso gli uffici del Laboratorio Geotecnico (Roio). Per concordare un altro giorno/orario di ricevimento inviare una email a paola.monaco@univaq.it.


Programma sintetico del corso:

Introduzione alla progettazione geotecnica. Richiami di geotecnica. Programma indagini geotecniche. Progettazione geotecnica agli stati limite. Elementi di geotecnica sismica. Opere di sostegno: tipologie; calcolo spinte; progetto di muri di sostegno e paratie. Fondazioni: tipologie; progetto di fondazioni superficiali e su pali; interazione terreno-fondazione.

Programma esteso del corso:

Link Programma completo (PDF)    (Aggiornato il 8-01-2018)

INTRODUZIONE ALLA PROGETTAZIONE GEOTECNICA Il materiale 'terreno'. Problematiche peculiari in Ingegneria Geotecnica. Fattori che influenzano il progetto di una costruzione geotecnica. Fasi di progetto. Relazione Geotecnica. Coefficienti di sicurezza. Normativa italiana ed Eurocodici. Eurocodice 7. Categorie geotecniche 1, 2, 3 secondo EC7. Stati limite (ultimi, di esercizio). RICHIAMI DI GEOTECNICA Costituzione dei terreni. Proprietà fisiche. Terreni a grana grossa e a grana fine. Principio delle tensioni efficaci. Storia tensionale e grado di sovraconsolidazione (OCR), terreni NC e OC. Stato tensionale iniziale (Ko). Rappresentazione stati tensionali: cerchi di Mohr, percorsi di sollecitazione. Relazione sforzi-deformazioni-tempo nei terreni. Coefficiente di permeabilità. Condizioni drenate e non drenate. Resistenza al taglio. Criterio di rottura di Mohr-Coulomb. Riepilogo prove per determinazione resistenza al taglio (in laboratorio e in sito). Prove triassiali. Formula di Skempton. Determinazione resistenza al taglio non drenata cu da prove triassiali UU. Significato e uso di cu. Profili di cu in depositi NC e OC. Determinazione dei parametri di resistenza al taglio c', φ' da prove triassiali CU. Differenza di comportamento tra argille NC e OC in prove triassiali CU. Prove triassiali CD. Prove di taglio diretto. Scelta parametri di resistenza al taglio per analisi drenate e non drenate (condizioni critiche). Resistenza al taglio di terreni a grana grossa. Differenza di comportamento tra sabbie sciolte e dense. Dilatanza. Compressibilità dei terreni. Prova edometrica. PROGRAMMA INDAGINI GEOTECNICHE Caratterizzazione geotecnica. Articolazione programma indagini (studio di fattibilità, progetto di massima, esecutivo, indagini in corso d'opera). Volume significativo / estensione volume da indagare per diversi casi (fondazioni superficiali e su pali, scavi sostenuti da diaframmi, trincee). Numero e localizzazione punti di indagine. Indagini per interventi su fabbricati esistenti. Ruoli e responsabilità. Tecniche di indagine in sito. Sondaggi e prelievo di campioni. Prove geotecniche in sito (SPT, CPT-CPTU, DMT, Vane Test, pressiometro): modalità di esecuzione, campi di applicazione e parametri ricavati dall'interpretazione. Misure di pressione interstiziale (piezometri). Prescrizioni normative (NTC). PROGETTAZIONE GEOTECNICA AGLI STATI LIMITE Criteri generali (Norme Tecniche per le Costruzioni – NTC 2008). Stati Limite Ultimi e di Esercizio. Valori di progetto e valori caratteristici. Approcci di calcolo secondo NTC 2008 e revisione 2014 (di prossima pubblicazione): coefficienti di sicurezza parziali e loro combinazioni. ELEMENTI DI GEOTECNICA SISMICA Propagazione di onde sismiche nel sottosuolo. Cenni sul comportamento meccanico dei terreni sotto azioni sismiche. Scenari di pericolosità durante un terremoto. Liquefazione. Risposta sismica locale (RSL). Evidenze di effetti di sito durante terremoti. Valutazione quantitativa della RSL. RSL di un sottosuolo ideale: strato omogeneo elastico su substrato rigido, strato omogeneo elastico su substrato deformabile, strato omogeneo visco-elastico su substrato rigido, strato omogeneo visco-elastico su substrato deformabile. Risonanza e doppia risonanza. RSL di un sottosuolo reale: influenza della non linearità, effetti 2D (di valle e topografici). Approcci alla valutazione della RSL: semplificato (spettri di risposta), analisi numeriche di RSL. Definizione dell'azione sismica nelle NTC 2008 secondo l'approccio semplificato (spettri di risposta). Zonazione sismica del territorio nazionale. Categorie di sottosuolo. Significato del parametro Vs,30. Coefficiente di amplificazione S. Cenni sulla modellazione numerica della RSL: definizione del modello geotecnico del sottosuolo, scelta dell'input sismico, scelta del codice di calcolo. Microzonazione sismica vs. studi di RSL. Caratterizzazione geotecnica ai fini sismici. Prove in sito e di laboratorio. Tecniche per la misura di Vs in sito: Down-Hole, Cross-Hole, cono/piezocono sismico (SCPT/SCPTU), dilatometro sismico (SDMT), tecniche basate su misure di propagazione di onde superficiali (SASW-MASW). Misure di microtremori. Prove cicliche/dinamiche di laboratorio (cenni). Uso integrato di indagini in sito e di laboratorio. Alcuni risultati di indagini sismiche nell'area dell'Aquila. OPERE DI SOSTEGNO --- Tipologie opere di sostegno --- --- Spinte su opere di sostegno --- Stati di equilibrio limite per spinta attiva e passiva. Spinte su muri di sostegno secondo diverse teorie (Rankine, Coulomb, Caquot-Kerisel, Lancellotta): ipotesi dei diversi metodi, formule per coefficienti di spinta Ka e Kp. Influenza delle deformazioni sul regime di spinta. Spinta Ko in caso di deformazioni impedite. Spinte dei terreni in presenza di coesione. Spinte a breve termine (condizioni non drenate) e a lungo termine (condizioni drenate) in argille. Percorsi di sollecitazione per spinta attiva e spinta passiva e passaggio da breve a lungo termine (condizioni più sfavorevoli). Spinte dovute all'acqua. Sistemi di drenaggio. Spinte dovute a sovraccarichi. Spinte dovute ad azioni sismiche (metodo pseudostatico). Coefficienti Kae e Kpe secondo Mononobe-Okabe. Coefficiente Kpe secondo Lancellotta (2007). Coefficienti moltiplicativi dei pesi per calcolo delle azioni sismiche sui muri secondo normativa sismica italiana previgente (D.M. 16.01.96) e normativa attuale (NTC). Spinta dovuta all'acqua in condizioni sismiche. Prescrizioni di normativa sulle azioni sismiche (NTC). --- Muri di sostegno --- Verifiche SLU per muri di sostegno. Coefficienti di sicurezza parziali e loro combinazioni (approcci di calcolo) secondo NTC. Verifiche SLE. --- Paratie --- Aspetti esecutivi. Diaframmi in c.a., paratie di pali, palancolate in acciaio. Tiranti di ancoraggio. Puntoni. Problematiche scavi profondi in area urbana. Tecnica di costruzione top-down. Problematiche di progetto. Verifiche SLU. Aspetti idraulici (moti di filtrazione). Metodi di calcolo paratie: metodi dell'equilibrio limite, metodi di analisi dell'interazione terreno-struttura. Calcolo diaframmi a sbalzo e con un ancoraggio con metodi dell'equilibrio limite (free-earth e fixed-earth support). Introduzione al problema dell'analisi dell'interazione terreno-struttura. Calcolo paratie secondo metodo 'a molle'. Schematizzazione del terreno come mezzo alla Winkler. Legge costitutiva delle molle. Significato del coefficiente di reazione Kh. Formule per determinazione coefficiente di reazione Kh per paratie. Deformazioni indotte da scavi profondi. Diagrammi empirici per stima cedimenti piano campagna in funzione di altezza scavo e spostamento orizzontale paratia. Normativa (NTC). FONDAZIONI --- Fondazioni superficiali --- Fondazioni superficiali e profonde. Requisiti di progetto di fondazioni. Tipologie di fondazioni superficiali: plinto, trave rovescia, platea. Curva carico-cedimento di fondazioni superficiali. Verifiche di sicurezza: SLU (capacità portante) e SLE (cedimenti). Meccanismi di rottura per capacità portante. Modello semplificato per derivazione formula trinomia di capacità portante (Terzaghi). Formula generale di Brinch-Hansen in tensioni efficaci (lungo termine) e in tensioni totali (breve termine). Fattori di capacità portante e coefficienti correttivi. Fondazione equivalente per carichi eccentrici (regola di Meyerhof). Cedimenti di fondazioni superficiali. Formule per calcolo dei cedimenti basate sulla teoria dell'elasticità. Tensioni indotte da carichi applicati in superficie (Boussinesq). Coefficienti di influenza. Moduli di deformazione. Cedimenti in terreni a grana fine: cedimento immediato (non drenato), cedimento di consolidazione (edometrico, corretto), cedimento secondario. Decorso cedimenti nel tempo. Richiami di teoria della consolidazione. Cedimenti in terreni a grana grossa. Cedimenti differenziali. Prescrizioni di normativa (NTC). --- Interazione terreno-fondazione --- Problematiche relative all'interazione terreno-fondazione. Modello di Winkler. Determinazione coefficiente di reazione K (Winkler) per fondazioni superficiali. Interazione terreno-fondazione secondo i modelli di semispazio elastico (Boussinesq) e strato deformabile di spessore finito (Koening & Sherif). Fondazioni rigide e flessibili. Differenze tra modello di Winkler, semispazio elastico e comportamento reale. --- Pali di fondazione --- Campi di utilizzazione. Tipologie e modalità esecutive (pali trivellati, pali infissi, micropali). Influenza delle modalità esecutive sul comportamento del palo. Carico limite sotto carichi assiali. Calcolo carico limite (portata alla base e portata laterale) con formule statiche in terreni a grana fine e a grana grossa. Formule penetrometriche. Formule dinamiche per pali infissi (cenni). Prove di carico su pali (di progetto e di collaudo). Attrito negativo. Cedimenti. Pali in gruppo. Coefficienti di sicurezza e prescrizioni di normativa (NTC). Pali soggetti a carichi orizzontali: carico limite, analisi del comportamento del palo in esercizio (Winkler).


Testi consigliati:

Link Materiale didattico fornito dal docente (slides lezioni, esercitazioni, dispense e schede monografiche) scaricabile dal portale e-learning@AQ dell'Università dell'Aquila

Lancellotta R. e Calavera. J. (1999). Fondazioni. McGraw-Hill, 611 pp.

Viggiani C. (1999). Fondazioni. Hevelius (2a ediz.), 565 pp.

Lancellotta R., Costanzo D. e Foti S. (2011). Progettazione geotecnica secondo l'Eurocodice 7 (UNI EN 1997) e le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC 2008). Hoepli, 163 pp.

Per "ripasso" e approfondimento dei principi di Geotecnica:

Link Appunti del corso di Geotecnica del Prof. Silvano Marchetti

Lancellotta R. (2012). Geotecnica. Zanichelli (4a ediz.)

Colombo P. e Colleselli F. (1996). Elementi di Geotecnica. Zanichelli.

Berardi R. (2013). Fondamenti di geotecnica. CittàStudi Edizioni (2a ediz.)

            
            
                         


Modalità d'esame:

Una prova scritta (tre esercizi da svolgere in un'ora) seguita da un colloquio orale, basato su una discussione dello scritto e altri argomenti trattati nel corso.


Risultati di apprendimento previsti:

Obiettivo del corso è fornire allo studente conoscenze di base e linee guida per la progettazione di opere di INGEGNERIA GEOTECNICA, in particolare FONDAZIONI e OPERE DI SOSTEGNO, con riferimento alla normativa tecnica in vigore e con particolare attenzione alle tematiche della GEOTECNICA SISMICA. Per facilitare l'apprendimento durante il corso saranno svolte esercitazioni di tipo progettuale.


Link al materiale didattico:

https://www.didattica.univaq.it/moodle/course/view.php?id=5869